2 Maggio 2018

Roccapesta rinuncia all’imbottigliamento della vendemmia 2017

Una scelta coraggiosa quella dell’azienda toscana, sostenuta dal distributore bergamasco Pellegrini S.p.A., dettata da una stagione di aspettative mancate che ha portato alla produzione di un vino non in linea con l’eleganza e l’equilibrio che Alberto Tanzini, patron dell’azienda, tanto ama e cerca nei propri vini

L’azienda vitivinicola Roccapesta, i cui vini sono distribuiti in Italia da Pellegrini S.p.A., per l’anno 2017 ha deciso di non imbottigliare il frutto della vendemmia appena passata e di non mettere, quindi, in commercio le bottiglie di quell’anno. A comunicarlo è il patron dell’azienda, Alberto Tanzini, che con dispiacere ma grande consapevolezza dichiara: “Annata 2017: una stagione di aspettative mancate. Prima l’attesa del freddo che non è arrivato, poi della pioggia che non è caduta. A seguir,e la paura del gelo primaverile e della grandine in invaiatura. Per finire, il caldo di luglio e l’afa di agosto.  Una stagione al limite della capacità della vite di produrre e che io, vignaiolo inesperto, non ho interpretato in modo da ottenere quell’eleganza ed equilibrio che tanto amo e che tanto cerco nei vini che produco. Per questo, ho deciso di non portare in bottiglia alcun vino da questa vendemmia 2017 e di lasciare un mesto vuoto tra le gioie dei vini del 2016, da me amatissimi, e le speranze della vendemmia 2018 che verrà”.

Con il poco e unico vino salvato dalla vendemmia 2017 verranno prodotte delle Magnum edizione limitata, con un’etichetta inedita, che l’azienda ha deciso di omaggiare ai suoi clienti in segno di gratitudine per quello che è stato e per quello che ancora deve venire.

Una scelta importante, forte, ma che denota l’amore che l’azienda nutre per la propria terra e i propri prodotti. I vini di Roccapesta sono, infatti, il frutto della passione per i vitigni autoctoni, coltivati nel rispetto dell’ambiente e delle uve Sangiovese, per dare vita a rossi di carattere ed eleganza, di medio e lungo invecchiamento. La fermentazione è esclusivamente naturale per mezzo di lieviti indigeni, senza l’aggiunta di additivi, simbolo di una viticoltura che dipende dal produttore, dalla sua cura, dalle sue attenzioni e dalla sua forza.

Il supporto del distributore, Pellegrini S.p.A., è stato fondamentale in questa fase decisionale e sottolinea ancora una volta la filosofia che anima l’azienda bergamasca da oltre 100 anni: credere nei valori di chi produce vino puntando alla qualità e di chi lo fa con passione ed estremo riguardo, nel pieno rispetto del prodotto.